COVID E MIGRANTI,
TUTELIAMO CHI RACCOGLIE LA FRUTTA A SALUZZO

 

Sta prendendo avvio la campagna di raccolta della frutta nel distretto agricolo di Saluzzo (Cuneo). Saranno impegnate diverse migliaia di persone, soprattutto migranti, per le quali andranno definite le misure igienico-sanitarie da attuare per lavorare in sicurezza, nel rispetto della salute di lavoratori e lavoratrici, datori di lavoro e comunità locali ospitanti.

Cgil, Cisl e Uil della provincia di Cuneo hanno chiesto la costituzione urgente del Comitato territoriale previsto dal Protocollo nazionale del 14 marzo 2020, integrato il 24 aprile e allegato al Dpcm del 26 aprile 2020, inerente le iniziative da assumere per il contrasto della diffusione del Covid-19, al fine di affrontare in modo concreto e efficace il tema della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, dell’alloggiamento dei lavoratori stagionali, del trasporto dei lavoratori verso e infra il territorio saluzzese.

Per tali ragioni, in applicazione di quanto previsto dal citato Protocollo, Cgil, Cisl e Uil hanno chiesto che il costituendo Comitato territoriale veda il pieno coinvolgimento, unitamente alle parti sociali, di tutte le istituzioni pubbliche e della autorità sanitarie che a vario titolo sono impegnate nelle iniziative per il contrasto della diffusione del coronavirus: Regione Piemonte, Unità di Crisi della Regione Piemonte, Prefetto di Cuneo, Provincia di Cuneo, Asl Cn1, Comuni del territorio saluzzese e Ispettorato del Lavoro.

Naturalmente, le risposte che urgentemente sta attendendo il territorio saluzzese dovranno essere riprese e rilanciate in tutto l’ambito provinciale, al fine di dare tutela e garanzia a tutto il mondo produttivo agricolo cuneese.

Certe che prevarrà il senso di responsabilità di tutti i soggetti coinvolti e la necessità di giungere in tempi rapidi a un confronto proficuo e risolutivo, Cgil, Cisl e Uil auspicano che il Comitato territoriale venga costituito e inizi a operare subito.

 

Cgil, Cisl e Uil Cuneo